Occupazione temporanea di suolo pubblico per i gestori di pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande a seguito dell'emergenza Covid-19

Data:
03 Giugno 2020
Immagine non trovata

I gestori di pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande possono usufruire, fino al prossimo 31 ottobre, di una nuova concessione di suolo pubblico (in corrispondenza/prossimità dei propri esercizi) ovvero di un ampliamento del suolo pubblico fino ad oggi concesso (contiguo o distaccato dall’attuale occupazione) che consenta di recuperare i posti non utilizzabili per i clienti.

Per l'occupazione temporanea, fino al prossimo 31 ottobre, come stabilito nell'art. 181 del "Decreto Rilancio", è previsto l’esonero dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (di cui al Capo II del D.Lgs. n. 507/1993) e dal canone di cui all’articolo 63 del D.Lgs. n. 446/1997.

E’ previsto, nel caso di utilizzo di strutture amovibili, così come definite nell’art. 181, comma 3 del D.L. 19 maggio 2020, n. 34 “Decreto Rilancio”, un iter istruttorio semplificato tramite il procedimento amministrativo della “comunicazione”, per cui è stato predisposto apposito modulo.

Il modulo deve essere:

  • compilato in ogni sua parte;
  • sottoscritto dopo aver accettato gli impegni prescritti;
  • completato con gli allegati OBBLIGATORI, tra i quali idonea planimetria quotata dell’area interessata, completa di layout che rappresenti il distanziamento dei posti a sedere e le relative metrature;
  • inviato al seguente indirizzo di posta elettronica:

ufficio.protocollo@pec.comune.vittuone.mi.it

 

La suddetta comunicazione verrà verificata e valutata rispetto allo specifico contesto di riferimento, tenendo in considerazione principalmente: spazio concedibile, viabilità ed eventuali attività economiche adiacenti, al fine di garantire la sicurezza della circolazione stradale nonché ridurre al minimo il rischio di eventuali interferenze.

Allegati

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 24 Giugno 2020