Immagine non trovata

Si informano gli utenti che la scadenza dell’acconto IMU 2020 è:

  • Entro il 16/06/2020 per le categorie D (ad eccezione della categoria D10);
  • Entro il 30/06/2020 per le categorie A, B, C, terreni agricoli, aree edificabili, fabbricati rurali

Le deliberazioni concernenti sia il regolamento che le aliquote devono ancora essere approvate.

ATTENZIONE: Quest’anno non è possibile effettuare versamenti IMU in un’unica soluzione.

Nel caso in cui la situazione immobiliare, personale e la destinazione d’uso degli immobili posseduti non sia variata rispetto al 2019, i contribuenti possono versare la metà di quanto versato a titolo IMU e TASI acconto e saldo 2019 utilizzando SOLTANTO I CODICI TRIBUTO DELL’IMU sotto riportati.

IMU per fabbricati rurali ad uso strumentale - comune                                   3913                           
IMU per i terreni - comune 3914
IMU per le aree fabbricabili - comune 3916
IMU per gli altri fabbricati - comune 3918
IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - stato 3925
IMU imposta per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - incremento comune  3930
IMU per i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita - comune 3939

 

Al fine di semplificare gli adempimenti dei contribuenti nel versamento dell’acconto IMU 2020 è possibile scaricare il modello F24 semplificato editabile, aprendo questo articolo.

Nel caso in cui la situazione immobiliare, personale o la destinazione d’uso degli immobili posseduti siano variate rispetto al 2019, il conteggio dell’acconto IMU 2020 deve essere effettuato utilizzando le aliquote IMU 2019 di seguito riportate.

TIPOLOGIA IMPONIBILE ALIQUOTA
ALIQUOTA BASE o proprietario abitazione in comodato senza requisiti per riduzione 50% imponibile IMU /(art. 1 comma 10 lettera b L. 208/2015) o senza registrazione del contratto all'Agenzia delle Entrate 0,96%
Abitazione principale classificata in cat. A1, A8, A9 (una sola per ciascuna categoria catastale) e relative pertinenze ( massimo tre di cui una per categoria catastale C2, C6, C7) 0,40%
Unità immobiliare in categoria A1, A8, A9, posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero permanente, a condizione ce l'immobile non risulti locato 0,40%

Unità immobiliare in cat. A (ad esclusione di quelle classificate nelle categorie catastali A1, A8,A9) e relative pertinenze  ( massimo tre di cui una per categoria catastale C2, C6, C7) concessa in comodato a parenti di primo grado (genitori/figli), utilizzata dal comodatario o dal coniuge del comodatario in caso di morte di ques'ultimo in presenza di figli minori, come abitazione principale (residenza anagrafica e dimora abituale) con contratto registrato presso l'Agenzia delle Entrate e con i requisiti per la riduzione del 50% dell'imponibile IMU previsti dall'art. 1 comma 10 lettera b L. 208/2015.

la concessione in uso gratuito e il grado di parentela si rilavano dalla dichiarazione sostitutiva che il soggetto passivo deve presentare

0,76%

 

ATTENZIONE: IL CALCOLATORE IMU 2020 di cui al seguente link https://www.riscotel.it/calcoloimu/ PUO’ ESSERE UTILIZZATO SOLTANTO PER L’ACCONTO IMU 2020 E NON PER IL SALDO UTILIZZANDO LE ALIQUOTE IMU APPROVATE PER L’ANNO 2019 SOPRA RIPORTATE.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 17 Giugno 2020